14-08-2009  (10846 lectures) Categoria: Montserrat

Monastero da Montserrat

 

Eremiti e anacoreti già convivevano sulla montagna di Montserrat, a l'alba del regno visigoto promosso dalla Provenza e dall'Aquitania.
Dopo la morte del re Alarico nel 410, Ataulfo sposò Gal·la Placidia, stabilendo la corte reale a Barcellona. Inizio della conquista della Spagna. Un periodo che, purtroppo per interesse, ha omesso, dimenticato e manipolato la storia. Solo le poche pietre che sopravvivono oggi e le nuove ricerche di alcuni storici parlano parlano.

Tre secoli dopo iniziò il suo declino, causato da una grave crisi demografica, che vide protagonista l'ultimo re Witiza nel 710.
La massiccia perdita di popolazione a causa della peste, insieme al prolungato periodo di siccità e carestia. Si aggiunge l'importante frattura sociale e militare causata dalla divisione dinastica interna, tra i due clan familiari nella lotta per il trono. Causano problemi costanti affrontando sul campo di battaglia, l'erede Agila II, duca di Tarraco e Roderic, duca di Baetica.
Invischiati e distratti da problemi interni, permisero alle truppe saracene di sbarcare sulla costa della Spagna il 27 aprile 711. Perdendo l'egemonia mantenuta per tre secoli. In soli tre anni di conquista, le truppe saracene raggiunsero la stessa valle dell'Ebro, spingendo i cristiani a fuggire nuovamente dall'altra parte dei Pirenei, nell'ultima roccaforte del regno visigoto della Settimania.

Avanti Cristo.

9000. La pianura che circonda Montserrat e le sue grotte sono abitate.

4500. Gli abitanti della Cova Gran, realizzano ceramiche decorate, utilizzando "petxines", conchiglie come strumento incisivo.

2500. Gli abitanti della parte bassa del Montserat, chiamati "mediterrani gracil", dimostrano nelle loro tombe, una strutturata preoccupazione per il passaggio all'aldilà.

750. La "penya" montserratina de Sant Joan, funge da punto di osservazione per gli osservatori, un santuario huni-solare stabilito nella vicina Serra del Obac.

700. I clan dell'interno dell'Europa, germanici, entrano a Montserrat, con la loro usanza di bruciare i cadaveri.



 

Tomba dell'ultimo re Witiza nella chiesa di Sants Just i Pastor a Barcellona.

Dopo Cristo:

313. Il cristianesimo si dichiara religione ufficiale dell'impero romano.

431. Il terzo Concilio ecumerico della Chiesa cristiana si tiene a Efes, nell'attuale Sel√ßuk, in Turchia. Cominciano a erigere chiese dedicate a Maria, madre di Ges√Ļ, come a "Mare de Deu".

715-726. Gli arabi occupano i territori da Tarragona a Narbonne, passando per Montserrat.


801. La contea di Barcellona, dove si trova Montserrat, viene liberata dai Franchi dal giogo musulmano e diventa dipendente dall'Impero di Carlo Magno.

816. La regola di Sant Benet (monaci benedettini), è impiantata in tutto il territorio dell'Impero di Carlo Magno.

876. Il conte di Barcellona Guifré el Pelós, fa donazione della montagna di Montserrat al Monastero di Ripoll.

880. Data "leggendaria" del ritrovamento dell'immagine della Vergine Maria nella grotta di Montserrat.

910. Una grande abbazia benedettina sorge a Cluny, La Borgonya, Francia, che ispira i fondatori dell'Abbazia di Santa Maria de Montserrat.

945. Fondazione del monastero di Santa Cecilia.

990. Una coppia di proprietari terrieri di nome 3 germanici, Sunigeld e Sabors, abitanti dei dintorni di Montserrat fanno una donazione al monastero di Santa Cecilia.

1025. Fondazione del monastero di Santa Maria de Montserrat, da parte di Abat Oliva, Abat de Ripoll.

1027. Viene fondata la Escolania de Montserrat, la pi√Ļ antica d'Europa.

1028. Il Clerigo Amat dona a Montserrat due libri con annotazioni musicali.

Nel 719 le truppe saracene presero la città di Barcellona e nella sua spinta bellicosa, attraversarono i Pirenei invadendo la Settimania nell'anno 720.
Il suo slancio sfrenato fu interrotto da Eudes d'Aquitania, riuscendo a fermare la sua espansione nella battaglia di Tolosa il 9 giugno 721.
Poco dopo ci riprovarono, nella battaglia che ebbe luogo a Poitiers il 10 ottobre 732. Furono sopraffatti dalle truppe comandate da Carlos Martel.

Anni dopo Pipino il Breve, figlio di Carlo Martello, espulse definitivamente i Saraceni dalla Settimania, in diverse battaglie che si svolsero a Narbona nel 759, 761 e infine nel 768.

Un nuovo progetto per la Marca cominciò a prendere forma, con l'inespugnabile e determinato contributo dell'imperatore Carlo I il Grande.
Carlo Magno nel suo zelo imperialista, venne nella zona di confine in aiuto degli ultimi sopravvissuti della Settimania, cercando di proteggere e ripristinare l'impero, riuscendo a controllare i confini nella sua interezza.

Carlo Magno dopo le conquiste, le terre di confine furono chiamate Marca e furono governate da duchi o marchesi, il resto del territorio fu chiamato contee. Con l'eccezione della marca spagnola appartenente al ducato di Settimania, che insieme al Rossiglione e alla Linguadoca, essendo diverse contee separate dai Pirenei, attribuiva loro il nome di contea. Titolo reale che ha resistito attraverso i secoli.


 


Carlemany (esquerra) i el seu fill Pipí el geperut. Còpia del segle x de l'original de 830


Il contributo di Carlo Magno inizia con suo figlio Ludovico I il pio re d'Aquitania, che nel 785 riconquistò e creò la contea di Girona.
Nel 788 le contee di Urgell e Cerdanya, e nell'autunno dell'anno 800 assediarono la città di Barcellona. Fino al 3 aprile 801, quando le sue truppe riuscirono a espellere i saraceni. Nell'809 riconquistò Tarragona e nell'811 Tortosa.
801. La contea di Barcellona, dove si trova Montserrat, viene liberata dai Franchi dal giogo musulmano e diventa dipendente dall'Impero di Carlo Magno.

816. La regola di Sant Benet (monaci benedettini), è impiantata in tutto il territorio dell'Impero di Carlo Magno.



Un evento che ha trasceso quel tempo è stato che Ludovico I il Pio chiamato Bara de Rasés di origine gotica e cugino di Carlo Magno, primo conte di Barcellona.
Il 20 giugno 840, Ludovico il Pio morì. In questo momento in Francia e nella Marca spagnola, le lotte dinastiche interne provocano guerre civili, fino a frammentare l'impero.

Nel Trattato di Verdun dell'843, fu fatto un tentativo di porre fine alle ostilità dividendo l'impero in tre regni, tra i tre figli di Ludovico il Pio, nipoti di Carlo Magno.

Alla proposta di questa frammentazione, Carlo II il Calvo fu nominato imperatore d'Occidente in Francia e nella marca spagnola, e l'11 settembre 878, nominò Wilfred il Peloso, figlio di Sunifred, conte di Barcellona, conte di Urgell e Cerdanya.

√ą proprio a Wilfred che si deve la riconquista della montagna di Montserrat. Wilfred appartiene alla stirpe visigota della regione di Carcassonne, situata nella contea di Conflent e fu il primo conte di Barcellona a governare indipendentemente dai monarchi franchi.


Guiffredus primus comes Barchinone. Genealogies dels comtes de Barcelona



Inquel periodo avvenne un evento rivelatore ed eccezionale, nell'evoluzione dei tempi di questa montagna.

Nella bottega di San Giuseppe a Gerusalemme, San Luca scolpì su un legno bruciato da un fulmine, l'immagine di Santa Maria. Poco dopo Sant Pere lo portò nella città di Barcellona consegnandolo alla chiesa di Sant Just, collocandolo accanto a Santa Eulàlia e Sant Oleguer. A causa della sua origine da Gerusalemme, era popolarmente conosciuta come Jerosolimitana.
A causa dell'invasione saracena fu salvata e nascosta in una grotta sul monte Montserrat, rimanendo sconosciuta fino all'anno 880.

876. Il conte di Barcellona Guifré el Pelós, fa donazione della montagna di Montserrat al Monastero di Ripoll.




Un sabato sera alcuni pastorelli dell'attuale casa Can Cavaller, a Monistrol de Montserrat. Vedere con stupore come sulla montagna di Montserrat, una luce scendeva dal cielo mentre si sentiva una dolce melodia. Sopraffatti dall'esperienza, i bambini corsero a casa per raccontare ai loro genitori l'esperienza.
Per un mese dopo la prima apparizione, i genitori, accompagnati dal vescovo, hanno assistito alle stesse esperienze e hanno deciso di andare dove la luce dirigeva il loro bagliore.

Nel silenzio pi√Ļ agghiacciante, erano perplessi dall'oscurit√† segreta di una grotta. La grotta √® stata esplorata dagli anziani e dai religiosi della comunit√† e al suo interno hanno trovato l'immagine di una Vergine Nera.
Decisero di spostarlo in città, e l'immagine era inspiegabilmente molto pesante, tanto che... che era impossibile per loro spostarlo.
Di fronte a questo pi√Ļ che ovvio rifiuto di essere trasferiti in un altro luogo, capirono un segno e decisero di ospitarlo nell'eremo situato in questo stesso luogo. Innegabile epicentro esoterico.

L'immagine attuale è una scultura romanica del XII secolo, di origine templare.

La montagna di Montserrat per secoli, grazie alla sua capacità di sedurre e alla sua forza interiore, era stata un luogo di attrazione spirituale. Sparsi su tutto il suo vasto territorio, eremiti e anacoreti già coesistevano, ma poiché la rivelazione trascendentale ebbe luogo, l'enorme impatto da est a ovest trasformò l'eremo in un santuario per i pellegrini.

Il primo documento scritto sul monastero di Montserrat che è conservato, si verifica il 20 aprile 888, quando il vescovo di Vic Gomar, consacra la chiesa del monastero di Ripoll. In questo documento il conte di Barcellona, Guifré, dona al figlio Radulfo "Le chiese di Montserrat" recentemente conquistate.
Da quel momento e per secoli, ci furono continue lotte feroci e contenziosi, per recuperare l'indipendenza del Monastero di Montserrat. Annesso da Guifré al monastero di Ripoll.
880. Data "leggendaria" del ritrovamento dell'immagine della Vergine Maria nella grotta di Montserrat.

910. Una grande abbazia benedettina sorge a Cluny, La Borgonya, Francia, che ispira i fondatori dell'Abbazia di Santa Maria de Montserrat.


933. Il conte Sunyer menziona Santa Maria, Sant Iscle, Sant Pere e Sant Martí.

Da quel momento è trascendente la leggenda, che l'eremita Garí sedusse e uccise la figlia del conte Wilfred il Peloso.
Garino andò a Roma per scusarsi del suo crimine, e il Papa gli ordinò di tornare indietro con i piedi e le mani come una bestia, fino a quando un uomo innocente gli disse da Dio che era stato perdonato.
Il conte stesso lo trovò un giorno a caccia a Montserrat e lo portò a Barcellona come una strana bestia. Dopo alcuni giorni a corte, un bambino gli si avvicinò e gli disse che Dio lo aveva perdonato.
√ą quando recupera la sua forma naturale e racconta la sua storia. Salirono a Montserrat per vedere il luogo in cui la fanciulla era sepolta e miracolosamente la trovarono viva.

Uno dei primi interessati a gestire la hacienda e i miracoli della montagna di Montserrat fu l'enigmatico Cesario. Nel 950, fingendosi arcivescovo di Tarragona, ottenne dalla contessa di Barcellona la donazione di parte della montagna. In cui intendeva fondare il monastero di Santa Cecilia e poter annettere alcuni eremi, tra cui quello dedicato a Santa Maria.
Fu allora che l'abate Oliba, pronipote di Wilfred il Peloso, di Ripoll rivendicò i suoi diritti sull'eremo di Santa Maria e rivendicò la proprietà del Monte Montserrat. Tuttavia, sorprendentemente non ha supplicato per il monastero di Santa Cecilia. Il luogo di interesse dell'abate Oliba non era altro che l'eremo di Santa Maria.

945. Fondazione del monastero di Santa Cecilia.


954. l'abate Oliba registr√≤ che ogni anno migliaia di cristiani venivano da tutto il mondo al porto di Barcellona, per iniziare il percorso pi√Ļ antico del Cammino di Santiago e che passava per il Monastero di Montserrat. Uscevano della Chiesa dell'Ordine Templare dei Figli Ospedalieri di Gerusalemme, ed √® stata riconosciuta come il punto di partenza del Cammino di Santiago.

Nel 982, l'imperatore Lotario, su richiesta dell'abate Sunifred, registrò i possedimenti delle chiese di Montserrat.




 


File:Rotlle-genealogic-borrell-II-de-barcelona.jpg

Conte Borrell II.

 


Nel 985 Barcellona, allora governata dal conte Borrell II, fu invasa e bruciata da Al-Mansur. Dopo otto giorni di assedio, fu saccheggiata il 6 luglio.
Il conte Borrell II riesce a fuggire e si rifugia nella montagna di Montserrat e dal monastero, chiede aiuto al re di Francia Lotario I. Ma il tempo passa e le truppe alleate non appaiono.
Questa conseguenza generò poco dopo la decisione di Borrell II, di rifiutare di presentare il vassallaggio al nuovo re di Francia Ugo Capeto, stabilendo l'indipendenza dei territori in suo possesso.

Il 30 settembre 992, Borrell II morì e gli successe Ramon Borrell II, che nel 1010 riuscì a espellere i musulmani dalla Marca.

990. Una coppia di proprietari terrieri di nome 3 germanici, Sunigeld e Sabors, abitanti dei dintorni di Montserrat fanno una donazione al monastero di Santa Cecilia.


Nel 1017 gli succedette il figlio Berenguer Ramon I, che regnò concentrato sul mantenimento dell'egemonia dei territori e dei loro confini.

Allo stesso tempo, in costante crescita di quello che anni fa era un eremo, nel 1025 l'abate Oliva fondò il monastero di Montserrat. Stabilire monaci benedettini e formare il priorato di Montserrat.

1025. Fondazione del monastero di Santa Maria de Montserrat, da parte di Abat Oliva, Abat de Ripoll.

1027. Viene fondata la Escolania de Montserrat, la pi√Ļ antica d'Europa.

1028. Il Clerigo Amat dona a Montserrat due libri con annotazioni musicali.


 

Fitxer:Santa Cova Chapel, Montserrat.jpg

 



 

ABATI DI MONTSERRAT, NEL CORSO DELLA STORIA (PRIORATO)....


1) PRIORATO DI MONTSERRAT DAL 1070 AL 1408.

  • Ramon (1082-1094)
  • Gervasi (1088, 1101-1113/19)
  • Bernat (1089, 1095/96-1098)
  • Ramon ‚Ć (1105)
  • Berenguer Bernat (1114/19-1124)
  • Guillem ‚Ć (1131)
  • Pon√ß (1136)
  • Andreu (1139-1144)
  • Bertran ‚Ć (1141)
  • Guillem (1144-1147)
  • Pon√ß (1151-1154)
  • Pere de Sesguinyoles (1156-1166)
  • Arnau ‚Ć (1159)
  • Bertran de Ma√ßans (1171-1202)
  • Guillem Adalbert (1204-1207)
  • Arnau d'Olivella (1208-1221)
  • Ramon de Montlle√≥ ‚Ć (1215)
  • Bernat di Peramola (1217)
  • Ramon ‚Ć (1219)
  • Berenguer di Bac (1223-1236)
  • Ramon (1227-1228)
  • Guillem de Bellver (1236-1246)
  • Bertran de Bac (1247-1272/73), abate di Ripoll 1258
  • Ramon de Calonge (1269-1271)
  • Pere de Bac (1273-1280)
  • Bernat Salvador (1284-1299)
  • Bernat Esquerre (1300-1321/22)
  • Gallard de Balaguer (1322-1328)
  • Ramon de Vilaragut (1334-1348)
  • Jaume de Vivers (1348-1375)
  • Rigalt de Vergne (1375-1384)
  • Vicen√ß de Ribes (1384-1408).

ABATI DI MONTSERRAT, (CONGREGAZIONE DI VALLADOLID)...


ABATI DI MONTSERRAT DAL 1493 AL 1835, DALLA CONGREGAZIONE DI VALLADOLID ALLA GUERRA DA 1641.

  • Garc√≠a Jim√©nez de Cisneros (1499-1510)
  • Pedro Mu√Īoz (1510-1512)
  • Pedro de Burgos (1512-1536)
  • Miguel Pedroche (1536-1541)
  • Miquel Forner, primo periodo (1541-1544)
  • Alonso de Toro (1544-1545)
  • Miquel Forner, secondo periodo ((1546-1553)
  • Diego de Lerma (1553-1556)
  • Benet de Tocco, primo periodo (1556-1559), PRESIDENTE DELLA GENERALITAT
  • Bartomeu Garriga, primo periodo (1559-1562)
  • Benet de Tocco, secondo periodo (1562-1564), vescovo di Vic, Girona e Lleida
  • Felipe de Santiago, primo periodo (1564-1568)
  • Bartomeu Garriga, secondo periodo (1568-1570)
  • Andr√©s de San Rom√°n (1570-1576)
  • Filippo di Santiago, secondo periodo (1576-1578)
  • Andrea d'Intriago (1578-1584)
  • Jaume Forner, presidente (1585)
  • Jaume Capmany, presidente (1585-1586)
  • Jaume Capmany (1586-1590)
  • Pl√°cido Salinas (1590-1592)
  • Jaume Forner (1592-1595)
  • Antonio di C√≥rdoba (1595)
  • Lorenzo Nieto, primo periodo (1596-1598)
  • Joaquim Bonanat (1598-1601)
  • Lorenzo Nieto, secondo periodo (1601-1604)
  • Antoni Jutge, primo periodo (1604-1607)
  • Juan de Valenzuela, primo periodo (1607-1610)
  • Antoni Jutge, secondo periodo (1610-1613)
  • Andr√©s Correa (1613-1614)
  • Juan de Valenzuela, secondo periodo (1615-1617)
  • Josep Costa (1617-1621)
  • Alonso G√≥mez (1621-1625)
  • Beda Pi (1625-1629)
  • Pedro de Burgos (1629-1633)
  • Josep Porrassa (1633-1636)
  • Francesc Veils (1636-1637)
  • Juan Manuel de Espinosa (1637-1641), vescovo di Urgell e arcivescovo di Tarragona

ABATI DI MONTSERRAT CATALANI...


ABATI DI MONTSERRAT DOPPO LA GUERRA DA 1641.

  • Joan Marc, presidente (1641)
  • Francesc Batlle, primo periodo (1641-1645)
  • Jaume Mart√≠ i Marv√† (1645-1649)
  • Francesc Batlle, secondo periodo (1649-1653)
  • Francisco Crespo (1653)
  • Milano di Miranda (1653-1657)
  • Jaume Saragozza (1657-1661)
  • Esteban Vel√°zquez, primo periodo (1661-1665)
  • Pl√†cid Riquer (1665-1668)
  • Llu√≠s Montserrat (1668-1669)
  • Esteban Vel√°zquez, secondo periodo (1669-1673)
  • Josep Ferran (1673-1677)
  • Pl√°cido de la Reguera (1677-1681)
  • Francesca Albi√† (1681)
  • Benet de Sala i de Caramany (1682-1684), vescovo di Barcellona e cardinale
  • Miquel Pujol (1684-1685)
  • Juan Jim√©nez (1685-1689)
  • Francesc de Cordelles (1689-1693)
  • Juan Jim√©nez (1693-1697)
  • Josep Ferrer (1697-1701)
  • Gaspar Paredes (1701-1705)
  • F√®lix Ramoneda (1705-1709)
  • Pedro Ca√Īada (1709-1713)

ABATI DI MONTSERRAT PRO-BORBONI.


ABATI DI MONTSERRAT DOPPO LA GUERRA DA 1713.

  • Pedro Arnedo (1713)
  • Manuel Marr√≥n (1713-1717)
  • Giuseppe Benedetto (1717-1721)
  • Esteban Rotalde (1721-1725)
  • Benito Tiz√≥n (1725-?)
  • Augusti Novell (?-?)
  • Benito Tiz√≥n (1733-1734)
  • Pl√†cid Cortada (1737-1741)
  • Jos√© Romero (1741-1745)
  • Carles Corts (1745-1749)
  • Mauro Salcedo, primo periodo (1749-1753)
  • Benet Argeric, primo periodo (1753-1757)
  • Mauro Salcedo, secondo periodo (1757-1761)
  • Benet Argeric, secondo periodo (1761-1764)
  • Antoni Burgu√©s, primo periodo (1764)
  • Josep Morata (1756-1766)
  • Pl√†cid regidor (1766-1769)
  • Antoni Burgu√©s, secondo periodo (1769-1773)
  • Isidoro Gonz√°lez (1773-1777)
  • Pere Viver, primo periodo (1777-1781)
  • Jos√© Arredondo (1789-1793)
  • Pere Viver, secondo periodo (1793-1796)
  • Maur Llampuig (1796)
  • Bernardo Ruiz (1797-1801)
  • Bernat Sastre (1801-1805)
  • Domingo Filgueira (1805-1809)
  • Francesc Burgu√©s (1810-1814)
  • Sim√≥ de Guardiola (1814-1818)
  • Bernard Breton (1818-1824)
  • Josep Blanch i Graells, primo periodo (1824-1828)
  • Benito Varoja (1828-1832)
  • Josep Blanch i Graells, secondo periodo (1832-1851)
  • Ramon Torrents, presidente (1852-1853)
  • Ignasi Corrons, presidente (1853-1855)
  • Miquel Muntades, presidente (1855-1858)

ABATI DI MONTSERRAT (DALLA RIAPERTURA)...


ABATI DI MONTSERRAT DAL 1844, LA RIAPERTURA....


  • Miquel Muntadas i Roman√≠ (1858-1885). Nel 1862 il Monastero entra a far parte della Congregazione di¬†Subiaco
  • Josep De√†s i Villar (1885-1921)
  • Antoni Maria Marcet i Poal (1921-1946)
  • Aureli Maria Escarr√© i Jan√© (1946-1966)
  • Gabriel Maria Bras√≥ i Tulla, abate coadiutore (1961-1966)
  • Cassi√† Maria Just i Riba (1966-1989)
  • Sebasti√† Bardolet i Pujol (1989-2000)
  • Josep Maria Soler i Canals (2000-...)




versió per imprimir

Comentaris publicats

    Afegeix-hi un comentari:

    Nom a mostrar:
    E-mail:
    Genera una nova imatge
    Introdu√Įu el codi de seguretat
    Accepto les condicions d'ús següents:

    Per a participar en els comentaris l'usuari es compromet a complir i acceptar les següents normes bàsiques de conducta:

    • Respectar les opinions de la resta dels participants al fòrum, tot i no compartir-les necessàriament.
    • Abstenir-se d'insultar o utilitzar un llenguatge ofensiu, racista, violent o xenòfob, i no tenir cap conducta contrària a la legislació vigent i a l'ordre públic.
    • No enviar cap contingut amb copyright sense el permís del propietari. Si es considera oportú facilitar continguts d'internet amb copyright, cal escriure la URL completa perquè els altres usuaris puguin enllaçar-hi i descarregar-se els continguts des de la pàgina propietària.
    • Publicitat: No es permet enviar continguts promocionals i/o publicitaris.